Consegna gratis per ordini superiori a €49,90
Spedizione in 24/48h

Hai bisogno di un consiglio? Chiamaci al 3472896980
I nostri farmacisti sono a tua disposizione. Lun-Ven h. 9-13/15-19

Insonnia? Ecco i consigli su come superarla

Una condizione di alterazione del sonno per durata, quantità e qualità: è l’insonnia.
Notti caratterizzate da difficoltà ad addormentarsi, risvegli precoci e stanchezza cronica: l’insonnia è un disturbo del sonno molto diffuso che porta con sé una serie di conseguenze diurne come irritabilità e difficoltà di concentrazione.

 

Cos’è l’insonnia

L’insonnia è un disturbo soggettivo caratterizzato dalla difficoltà di addormentarsi o di mantenere il sonno. Le manifestazioni cliniche possono essere di diversa natura:

  • difficoltà ad addormentarsi

  • risvegli frequenti o precoci al mattino

  • combinazione di più sintomi

Uno dei modi per classificare l’insonnia è legato alla durata ed alla frequenza dei sintomi stessi: può essere transitoria se dura meno di un mese, a breve termine se dura fino a sei mesi, cronica se si protrae oltre questo termine.

A seconda della fase del sonno in cui si verifica il risveglio, si parla di insonnia inizialetransitoria e terminale.

Cause dell’insonnia

Le cause più frequenti possono essere:

  • ansia

  • stress

  • depressione

  • menopausa

  • patologie della tiroide

  • fattori ambientali

  • assunzione medicinali

Le conseguenze inevitabilmente coinvolgono sia il fisico che la mente: i risvegli frequenti possono causare sbalzi di pressione, con rischio di sviluppare patologie cardiovascolari. Anche il sistema immunitario viene compromesso e , a livello psicologico, l’incapacità di dormire può causare attacchi di ansia durante il giorno.

Come dormire meglio

Dormire bene è un’attività fondamentale per la sopravvivenza. In presenza di uno o più segni associati all’insonnia può tornare utile rivedere le abitudini comportamentali. Per dormire meglio è fondamentale modificare il proprio stile di vita

  • L’orario del riposo dovrebbe seguire quello solare e nella camera da letto andrebbe creata una condizione di buio tale da far capire al cervello che è il momento di dormire.

  • L’attività fisica è importante ma non dovrebbe essere praticata prima di andare a dormire perchè potrebbe complicare la fase di addormentamento.

  • Smartphone e dispositivi elettronici non andrebbero utilizzati prima di dormire: è stato ampiamente dimostrato che i continui stimoli luminosi ed elettromagnetici al cervello sono deleteri per un sonno tranquillo, mentre un bagno caldo e rilassante, un buon libro e una tisana facilitano l’addormentamento.

Per dormire bene è possibile ricorrere a rimedi naturali come la passiflora che contribuisce al rilassamento e al benessere mentale mentre la griffonia contribuisce al normale tono dell'umore e riduce i risvegli notturni.