Consegna gratis per ordini superiori a €49,90
Spedizione in 24/48h

Hai bisogno di un consiglio? Chiamaci al 3472896980
I nostri farmacisti sono a tua disposizione. Lun-Ven h. 9-13/15-19

Forfora: cause, rimedi e consigli del farmacista

La forfora è un disturbo che si presenta con una intensa desquamazione del cuoio capelluto accompagnata, spesso, da intenso prurito. Generalmente la forfora, o pitiriasi, si accompagna ad un’infiammazione della pelle che, irritata e secca, accentua l'esfoliazione.
La forfora è una condizione cronica che si verifica quando il cuoio capelluto diventa secco o grasso e produce fiocchi bianchi di pelle morta che compaiono tra i capelli e che si depositano sulle spalle. Anche se è innocua, non contagiosa, la forfora può essere imbarazzante per chi è solito averla. La comparsa di solito inizia tra i 10 e 20 anni e colpisce fino al 40% delle persone di età superiore ai 30 anni in particolar modo uomini forse per ragioni ormonali.
Chi soffre di forfora ha le cellule del cuoio capelluto che sono sottoposte ad un ricambio cellulare più veloce ed intenso rispetto al normale.
Il materiale grasso dal cuoio capelluto provoca la desquamazione della pelle e di conseguenza le cellule morte si accumulano e appaiono come fiocchi bianchi.

 

Le cause della Forfora

La forfora può essere causata da una serie di condizioni:

  • In primisi la pelle secca o pelle grassa;

  •  Ipersensibilità ai prodotti per capelli;

  •  Condizioni della pelle come la psoriasi, la dermatite seborroica, o l'eczema;

  • Ambiente esterno, temperature alte e ambienti troppo secchi che irritano pelle e cuoio capelluto;

  •  Stress (particolarmente nei cambi di stagione),

  •  Ormoni;

  • Abuso di alcol;

  • Funghi che si nutrono di sebo (Malassezia), l’azione può accentuare la produzione di nuovi strati cutanei, amplificando la caduta delle scaglie di forfora;

  • Alimentazione ricca o povera di grassi o deficiente in zinco e vitamine del gruppo B;

  • Problemi con il sistema immunitario.

     

I sintomi della forfora includono:
  • Fiocchi bianchi di pelle morta tra i capelli e sulle spalle;

  • Prurito o rossore sul cuoio capelluto.

Solitamente la forfora tende a essere cronica. Per combattere la comparsa di forfora o alleviare il prurito, si possono adoperare shampoo o lozioni specifici che hanno un effetto lenitivo e anti-prurito. 
Quando le cellule della pelle muoiono, si trasformano in squame giallastre. Queste squame possono manifestarsi anche in altre parti del corpo come ad esempio all'attaccatura dei capelli, intorno alle orecchie, sul naso e sul petto.

 

Forfora grassa

La forfora grassa è conosciuta anche con il nome di "pitiriasi steatosica". Si manifesta con la presenza di squame di colore giallastro e che hanno una consistenza al tatto grassa e spessa. Queste squame sono le cellule morte che rimangono attaccate al cuoio capelluto a causa dell'iperseborrea ovvero l'eccessiva produzione di sebo. I capelli risultano fragili e deboli e il cuoio capelluto irritato e arrossato in quanto i bulbi piliferi sono ostruiti. La presenza di forfora grassa può essere multifattoriale ed è in genere legata a dermatite seborroica o seborrea del cuoio capelluto.

Forfora secca

La forfora secca si differenzia dalla forfora grassa perché le desquamazioni delle cellule morte si staccano dal cuoio capelluto, proprio perché si tratta di squame secche, e cadono formando un effetto "neve" sulle spalle e sui vestiti. La presenza di forfora secca, se non opportunamente curata e trattata con prodotti specifici, rischia di avere conseguenze più gravi come ad esempio capelli secchi e danneggiati che si presentano fragili fin dalla radice.

 

I rimedi

La forfora grassa deve essere trattata immediatamente onde evitare che la situazione possa peggiorare e portare a conseguenze gravi come caduta dei capelli. Bisogna quindi seguire un trattamento con prodotti studiati per contrastare il fenomeno. Hanno una formula seboregolatrice e regolano il normale equilibrio della flora del cuoio capelluto.